Archive for the ‘Racconti’ Category

Commenti disabilitati su LovME Fest 2017: professor LordA a rapporto!

Venerdì 2 giugno, in occasione della terza edizione del LovME Fest (link) dalle 10 alle 12 terrò a Villa Dante (ME) un workshop assieme all’amica fumettista Michela De Domenico   Io e Michela abbiamo già collaborato più volte (link) ma domani nessuno verrà legato…     [email protected] Posts – Website – Facebook

Oscar Wilde ha sempre ragione!

Posted: 28th maggio 2017 by LordA in Racconti
Tags:

Ringraziando tutti i partecipanti al The LordA CONTEST (link) di seguito il racconto e le tre illustrazioni vincenti di Claudio HOINK Antonuccio (link)   Oscar Wilde ha sempre ragione!   Quel buontempone di Oscar sentenziò che “L’uomo non è se stesso quando parla in prima persona. Dategli una maschera e vi dirà la verità!”. Nonostante […]

Lego

Posted: 31st marzo 2017 by LordA in Racconti

Quando si staccò l’occhio destro, cadendo nel passato di carote con un sordo “pluf!”, capì che era giunta l’ora. Il piccolo tsunami arancione traboccò sulla tavola, accanto alla cannuccia che ormai usava per nutrirsi, sporcandogli il pigiama che non cambiava da una settimana. L’occhio al centro del piatto sembrava un atollo circondato da una barriera […]

Ave e Omada [Trilogia legata – 3 di 3]

Posted: 26th settembre 2016 by LordA in Racconti, Trilogia Legata

Ave e Omada si amavano da quando ancora non si conoscevano. Dopo essersi trovati, erano andati a vivere all’inizio del bosco, poco distanti due colline abitate da gente cordiale, ancora più in là la città già dimenticata. Il loro villino si trovava vicino ai sentieri, era protetto dagli alberi e circondato da una staccionata con aiuole fiorite. Ave […]

Se l’era proprio andata a cercare, ostinata e indomita come mai prima di allora, mossa da un irrefrenabile desiderio di dimostrare le sue innate qualità nel caso più difficile, pericoloso e allo stesso tempo eccitante che le era capitato. Aveva messo i suoi tacchi più alti, degli stilettosi Gucci con la G dorata sul tallone […]

Pino buono, pino cattivo, pino buono, pino cattivo, giorno nuovo, giorno cattivo, anzi cattivissimo! Il bruciore maggiore proveniva dalle caviglie, quelle dannate caviglie grassocce a mo’ di zampone natalizio, sembravano alimentarlo come due ceppi di carbone ancora roventi: saliva su per le gambe sudate, si intrufolava sotto i pantaloncini per cuocergli la schiena, le spalle massicce, il […]

Lo scooter

Posted: 5th maggio 2014 by LordA in Racconti

  Suonò due volte e attese. Il viale accanto alla villetta sembrava essere stato spazzato da poco, strano quanto raro: solitamente era un ricettacolo di cartacce, cicche, cacche di cani e spazzatura accumulata negli angoli. Suonò ancora il clacson della moto, sempre due volte, certo ormai che in casa non c’era nessuno. Mise a folle, […]

Out of service… out of mind.

Posted: 12th agosto 2013 by LordA in ... as a bird, Racconti

Strane cose crescono in me, non sto parlando di personaggi, trame, nuove storie. Altro tipo di editing necessiterò nell’immediato, nessuna previsione temporale e un’unica via. Nonostante ciò, entro il prossimo autunno tornerò su quanto scritto negli ultimi 2 anni,  auspicando di rendergli degna carta nel 2014. Prima di assentarmi vi lascio un giallo, ebbene sì… […]

  Sul blog del Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno c’è una rubrica che parla di blog. Qui il link dell’intervista – articolo su questo mio blog che non parla di blog: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/notizie/arte_e_cultura/2012/22-settembre-2012/-scrivo-suono-vedo-gente-miei-racconti-un-clic-2111930647938.shtml PS: il titolo del Corriere contiene una bugia, una verità, una mezza bugia/mezza verità.   LordaA [email protected] Posts – Website – Facebook

Commenti disabilitati su Anche i fantasmi scappano (dall’Italia).

  Il fantasma del titolo è/era Ciccio il Marocchino, già protagonista inconsapevole di una storia finita tra le spire della §erpe Nera la scorsa estate. Era, è… flashback: http://grazianodelorda.altervista.org/2010/07/03/fantasmi/   Un paio di domeniche fa bussano alla porta di casa mia, è Ciccio Marocchino, sorride e mi mostra un dente in meno, ci risiamo – penso io, invece: “Io basta Messina, […]